Domenica 6 maggio: Il Naviglio Martesana da Cernusco all’Adda


Dislocazione : ZONA EST MILANESE ( LINATE )

Accompagnatori: Delfina (338 3116452) / Lele (328 1766866) / Alberto (328 6637070)

Ritrovo:
Piazza  Coppi – Serravalle Scrivia  - ore  8.00
Partenza:
8.10
Trasferimento:
Mezzi propri
Itinerario:
Cernusco s/naviglio  - Cassano d’Adda – Trezzo
Dislivello/Sviluppo:
100 m circa /  Km. 48 circa
Tempi di Percorrenza:
  4  ore effettive + soste.
Difficoltà:
TC / TC   ( turistico - facile  )
Pranzo:
al sacco
Rientro Previsto:
 19.00    (teorico)
Equipaggiamento:
Casco, camere di scorta, abbigliamento a strati.
Termine Iscrizioni:
Sabato 5 maggio .
Note:


L’escursione proposta si propone di percorrere uno dei suggestivi scenari milanesi dei navigli, la fitta rete di canali navigabili nata intorno alla città lombarda fra il ‘500 ed il ‘600 e che tanto ha caratterizzato il paesaggio rurale ( ed ora molto più cittadinizzato ed antropizzato ) che fa da corona alla città. Il percorso del Naviglio Martesana partirebbe dal centro di Milano, noi si partirà dalla cittadina di Cernusco s/naviglio, per seguirlo poi integralmente fino alla confluenza nell’ Adda, distante una ventina di km. Il naviglio è percorso interamente da una piacevole pista ciclabile quasi interamente pavimentata che attraversa luoghi molto suggestivi e di notevole interesse storico – ambientale, unitamente ( purtroppo dal ns punto di vista ) a zone piuttosto fittamente urbanizzate.
Il naviglio della Martesana nasce a Trezzo sull'Adda, nei pressi del Santuario della Concesa, per terminare dopo 38 Km a Milano. Costruito a partire dal 1457 a scopi di navigazione ed irrigazione fu reso navigabile nel 1471. Nel 1777 con l'apertura del Naviglio di Paderno, realizzato per superare le rapide sull'Adda a nord di Trezzo, si rese possibile il collegamento tra Milano ed il Lago di Como. Da Lecco, i barconi carichi di ogni tipo di merce, giungevano a Milano in 15 ore, mentre il percorso inverso richiedeva anche 70 ore.

Trattasi di gita assai tranquilla, su percorso in prevalenza asfaltato o pavimento, svolta a ritmi rilassati allo scopo di ammirare e scoprire angoli nascosti e bellezze ambientali, adatta a chiunque, fatto salva la necessità, vista la lunghezza del percorso di circa 48 km, di considerare una certa permanenza sulla bici ( occhio al ‘fondello’ ) !!.




















Il presente calendario potrà subire variazioni in relazione alle condizioni meteo.
L’associazione non risponde per danni ai partecipanti privi di abbigliamento adeguato ed iscrizione

Commenti

Post popolari in questo blog

Domenica 24 settembre: dalla Pineta di Mornese ai Laghi della Lavagnina (AL)